Home‎ > ‎La Scuola‎ > ‎

Dove siamo

Scuola Liuteria San Filippo Italia  Violin Making School San Filippo Italy

Scuola Liuteria San Filippo

La Scuola di Liuteria San Filippo si trova, di fronte al Museo di Antichità Egizie, all'interno del complesso di San Filippo Neri, la cui collocazione fu stabilita nel 1675 dal duca Carlo Emanuele II di Savoia.

Torino da molti è ricordata come città industriale per la presenza della FIAT, ma ha, in realtà, una ricca storia.

Fondata come accampamento romano nel 58 a.C. sui resti di un villaggio del III secolo a.C., e poi come colonia, nel 28 a.C., con il nome di Augusta Taurinorum. Nel 1559 divenne capitale del Ducato di Savoia e, nel 1861, prima capitale d'Italia.

La città e i dintorni sono ricche di monumenti, tra i quali la Mole Antonelliana, la Reggia diVenaria (che fu utilizzata come modello per la Reggia di Versailles in Francia) e la Sacra di San Michele.

Molti i musei, tra i quali il Museo Egizio (secondo al mondo, dopo quello del Cairo), il Museo Nazionale del Cinema e tanti altri. La città è anche famosa poiché conserva la Santa Sindone

A Torino hanno soggiornato, tra gli altri, lo scrittore T. Tasso, il compositore W. A. Mozart, l'architetto F. Juvarra. e il filosofo F. Nietzsche.

A Torino è presente il Conservatorio Statale di Musica “G. Verdi” .

Torino e il Piemonte sono sede di prestigiose orchestre e stagioni: l'Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, il Teatro Regio di Torino, l'Unione Musicale, l'Associazione Lingotto MusicaMITO Settembre Musica, l'Orchestra Filarmonica di Torino, l'Accademia Corale Stefano Tempia, l'Accademia Montis Regalis, la Camerata Ducale...

Nel 2006 ha ospitato i XX Giochi Olimpici invernali, nel 2010 è stata Capitale Europea della Gioventù, mentre ha ricevuto la nomination di Capitale Europea dello Sport 2015.


La storia del violino ha radici così profonde in Piemonte che si fa risalire al piemontese Baltazarini, meglio conosciuto in Francia col nome di Balthazar de Beaujoyeulx (o Beaujoyeu), l’uso del primo violino a quattro corde (sec. XVI). Baltazarini fu considerato il miglior violinista del suo tempo.

Tra il XVII e il XIX secolo, il Piemonte è in pieno fermento musicale e sforna un numero incredibile di grandi violinisti e valenti compositori come Somis, Viotti, Pugnani, Giardini, Polledro, Ghebart, Sivori e violiniste come le sorelle Milanollo Teresa e Maria.

La tradizione musicale dello Stato Sabaudo risale ai tempi antichi. In un registro della Tesoreria generale dei Savoia, viene riportato un pagamento delle prestazioni di “trompettes et vyollons de Vercey”, datato 1523, riferito a musicisti di provenienza vercellese. Questa è la prima citazione in assoluto di un termine riferito al violino.

Dal 1647 Torino e il Piemonte sono terra di liutai. Hans Angerer (italianizzato in Giovanni Angerero) ed Henrico Casner (italianizzato in Enrico Catenar) furono i primi, a cui seguirono nomi prestigiosi, come quelli di Cappa, Guadagnini, Pressenda e Rocca.

Nell’autunno del 1771 giuse a Torino Giovanni Battista Guadagnini, il maggiore liutaio del suo tempo e della famiglia Guadagnini è riportata la prima abitazione presso il complesso di San Filippo, dove oggi ci potete trovare.